Articoli

virus di Facebook che si diffonde tramite tagSta circolando su Facebook un nuovo virus sotto mentite spoglie di video o link e si diffonde attraverso un tag di un amico, installando una volta cliccato o nel momento stesso in cui si visualizza il video un pericoloso malware capace di recuperare le vostre informazioni e i vostri dati sensibili.Il nuovo virus di Facebook che si diffonde tramite tag si sta allargando a macchia d’olio, infatti in questi giorni sono migliaia gli utenti capitati in questa ennesima truffa innescata sul più famoso social network.

Questo tipo di virus presente su Facebook che si nasconde dietro al classico tag è particolarmente ingannevole per come si presenta, sulla bacheca della vittima appare una notifica che lo avvisa di essere stato taggato in un post o menzionato in un commento.A quel punto basta visualizzare il video per far si che Continua a leggere

sfida delle mamme

Sfida delle mamme su Facebook.Attenzione alle foto che condividete

Che le catene di Sant’Antonio siano inutili e fastidiose lo sapevamo già, ma forse non tutti sanno che dietro queste sfide a volte possano nascondersi delle vere minacce per la nostra sicurezza e quella dei nostri figli.Come quest’ultima sfida chiamata “la sfida delle mamme” lanciata sul popolare social Facebook che nel giro di pochi giorni sta diventando virale e alle stesso tempo pericolosa.

Ma in cosa consiste la sfida delle mamme?

La sfida delle mamme consiste in un chiaro messaggio di postare tre foto che ti rendano felice e orgogliosa di essere una mamma.Una volta fatto ciò bisogna nominare un altra mamma che a sua volta deve copiare il messaggio sulla sua bacheca di Facebook e di conseguenza postare a sua volta 3 foto dei suoi figli e la catena di Sant’Antonio continua.

Come spiegato in quest’altro articolo Postare foto di bambini su Facebook può essere pericoloso, fate molta attenzione.Vi siete mai fatti la domanda se quelle foto finissero in mani sbagliate?Il mondo di internet è pieno di truffatori e di pedofili e la preoccupazione della polizia postale è alta tanto da emettere un comunicato ufficiale su questo caso della sfida delle mamme.

Leggiamo cosa ha scritto la polizia postale in merito all’argomento.

Da alcuni giorni circola questo messaggio tra le mamme, diffuso con il sistema delle Catene di Sant’Antonio:”Sfida delle mamme. Sono stata nominata da xxxxx per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri.
Mamme.Tornate in voi.Se i vostri figli sono la cosa più cara al mondo, non divulgate le loro foto in Internet.O quantomeno, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere.
Se questo non vi basta, considerate che oltre la metà delle foto contenute nei siti pedopornografici provengono dalle foto condivise da voi.
Fonte: Avv. Aldo Benato.

Il contrasto alla pedopornografia online è esteso a tutte le piattaforme della Rete ove è presente materiale pedopornografico, concentrandosi in particolare su quelle maggiormente a rischio per le vittime, quali i social network, ove emergono nuove ed insospettate modalità di adescamento di minori, nonché nelle reti “darknet”, aree profonde e nascoste del web ove l’utilizzo di tecnologie sofisticate rende inefficaci i tradizionali mezzi di accertamento delle identità online.

A tale proposito, nel corso del 2015 sono stati operati 67 arresti e 485 denunce per adescamento di minori online, produzione, diffusione e commercializzazione online di materiale pedopornografico.

Per il crescente fenomeno dell’adescamento online di minori, si segnala che nel corso del medesimo anno sono state 221 le denunce ricevute dagli uffici della Specialità. Dalle complesse operazioni di prevenzione è scaturita una assidua attività di monitoraggio della rete che ha visto coinvolti ben 17.283 siti internet, di cui 1.819 inseriti in black list.
Fonte: Polizia Postale e delle Comunicazioni

Una domanda però resta: Da dove è partita la sfida delle mamme e qual’è il suo reale scopo?

Secondo alcune fonti la sfida delle mamme sarebbe partita come Continua a leggere

 #underboobpenchallenge

#underboobpenchallenge

Con l’hashtag #underboobpenchallenge, la nuova e stravagante moda dei social arriva dalla Cina.Questa volta la nuova e altrettanto stupida sfida, consiste nel mantenere tra i seni una penna.A suon di selfie, le ragazze si sfidano postando le immagini sul social, con la speranza di ricevere tanti like e magari sperare che qualcuno le noti…ma non avete niente di meglio da fare?Ormai ci siamo abituati a queste sfide inutili, non dimentichiamoci infatti Continua a leggere

società dei socialSiamo la società degli iPhone pieghevoli, delle mille mila cover da cambiare ogni giorno, la società delle file agli Apple Store, la società degli autolesionisti che mostrano i propri tagli su Tumblr per essere al centro dell’attenzione, dei profili falsi su Ask, delle domande anonime, degli stati su WhatsApp e degli ultimi accessi controllati ogni minuto, dei “sta scrivendo…” che ti fanno sentir bene, delle chat notturne, dei gruppi su WhatsApp, dei bulimici insultati e ridotti a 30kg, delle anoressiche che cercano di uscirci e di quelle che cercano di entrarci, dei dodicenni che vanno in giro a fumare credendosi fighi, di chi fuma per moda, di chi fuma per morire, delle ragazze suicidate per colpa degli insulti su Ask, dei professori che appena possono ti Continua a leggere

 bambini su Facebook

Non pubblicate su Facebook le foto dei vostri figli.E’ pericoloso.Ecco perché.

Pubblicare su internet la foto dei propri bambini è di per sé atto che potenzialmente può raggiungere un numero di persone, conosciute e non, ed è assolutamente sconsigliabile.A lanciare l’allarme è il pm Valentina Sellaroli  che lavora nel Tribunale per i minorenni di Torino, in un intervista a Repubblica

Perché postare foto di bambini su Facebook può essere pericoloso?

Non bisogna mai dimenticare, in primo luogo, quanto sia diffuso Facebook. Online navigano ormai miliardi di persone, pubblicare su Facebook o più in generale su Continua a leggere

bullismo

La mamma scrive ai bulli del figlio:

Mary Ann Parisi è la mamma di Michael un ragazzino vittima di bullismo.Stanca delle umiliazioni che il figlio continua a subire, ha pubblicato un post su Facebook che ha raggiunto quasi 4000 condivisioni, dove ha voluto spiegare il motivo per il quale nessuno dovrebbe prendersela con suo figlio e con tutti i ragazzini nel mondo che ogni giorno subiscono veri e propri crimini di bullismo.

Ecco cosa ha scritto:

Scrivo a tutti quelli che hanno dei figli. Vi sfido, mostrate loro la storia di mio figlio. Forse sapere qual è la sua storia potrebbe fare la differenza. Anche i migliori bambini hanno momenti di insicurezza e debolezza. Insegnare e Continua a leggere

incontrare su Facebook

I vari soggetti che puoi incontrare su Facebook

I vari soggetti con personalità diverse che rischi di incontrare su Facebook

  • Lo spione
    Praticamente non pubblica mai niente, non commenta i tuoi post, però legge e sa sempre tutto, quando ti vede in pubblico fa sempre riferimento a ciò che scrivi su Facebook.
  • Il popolare
    5000 amicizie ma ne conosce una minima parte e parla con i soliti 4 o 5 ma ama far vedere a tutti che ha tanti amici, solo perché si sente figo.
  • Il promoter
    Colui che manda inviti di ogni genere..dai giochi, agli inviti a mettere i mi piace alle pagine, ti iscrive prontamente nei vari gruppi e poi non ti caga più.
  • Il mi piace cronico
    Non scrive mai nulla, ma clicca “mi piace” ovunque, non gli importa che il tuo post sia del 2000 a.c, qualsiasi cosa tu posti a lui gli sta bene….e qui ci sta un grande Mah!!!
  • Il gallo
    Come la famiglia del mulino bianco è sempre sorridente ed è il primo ad augurarti un buongiornissimo, si sente in dovere di dare ogni mattina il buongiorno e se non ricambi ti stressa, ritorna e ti risaluta “Ciaone“..No vabbe!!!

Continua a leggere

Amicizia virtuale o reale

Amicizia virtuale o reale

Amicizia virtuale o reale?

Che bella invenzione che è Facebook!!

Con la nascita dei social ed in particolare di Facebook, milioni di persone si sono ritrovate in questo mondo virtuale: amici, nemici, parenti, oltre ad una miriade di nuove conoscenze, le cosiddette amicizie virtuali.Persone del tutto estranee tra di loro che si sono conosciute attraverso questo meccanismo che istiga la gente a cercare sempre nuovi amici.In fondo è semplice, dai una sbirciatina ad un profilo, leggi le sue informazioni di base, da dove scrive, dai un occhiata alle foto, ok il gioco è fatto “invia richiesta di amicizia” “accettata” apposto siamo amici.

Ma su cosa si basa realmente un amicizia?

L’amicizia reale o virtuale che sia, deve avere dei certi requisiti per potersi consolidare, che potrebbero essere uno scambio di Continua a leggere

truffa della busta verde

truffa della busta verde

Attenzione alla truffa della busta verde.Arriva per posta dalla Croazia, fate attenzione

Molti cittadini si sono visti recapitare tramite posta, una raccomandata proveniente dalla Croazia, per la precisione da Pola.Simile alla nostra usata per gli atti giudiziari, ma in realtà si tratta di una truffa vera e propria.

Nella busta verde ci sono vari documenti scritti in lingua croata con traduzione anche in italiano e su essa ci sono vari timbri che assomigliano a quelli della polizia ma che in realtà non hanno nessun riscontro di reale.

Si sta diffondendo a macchia d’olio questa truffa che ha già ingannato diverse persone.

In questa lettera viene notificata una multa con pagamento che varia da  Continua a leggere

facebook virus rayban

facebook virus rayban

E’ ritornato anche quest’anno più agguerrito e spietato che mai, sta già facendo numerosissime vittime, stiamo parlando del fastidiosissimo virus rayban, presente sulle bacheche dei nostri contatti Facebook.Fate attenzione si presenta come un

Continua a leggere