Articoli

La gioventù (giovinezza) è il periodo tra l’infanzia e l’età adulta, una parte di sviluppo molto importante nella vita di ogni individuo.Si dice che in giovinezza si viva di speranza mentre nella vecchiaia di ricordi.In questo elenco di citazioni e aforismi sono elencate le migliori affermazioni sui giovani, sulla gioventù e sulla giovinezza.

Gioventù:Raccolta di frasi, aforismi e citazioni

Gioventù Raccolta di frasi, aforismi e citazioni

Per riacquistare la giovinezza basta solo ripeterne le follie.
(Frase di Oscar Wilde)

Alle volte uno si crede incompleto ed è soltanto giovane. (Frase di Italo Calvino)

E’ triste un pianeta abitato da giovani le cui dita sfiorano più cellulari che volti. (Frase di Michelangelo Da Pisa)

Essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza, anche quando il mare è cattivo e il cielo si è stancato di essere azzurro.
(Frase di Bob Dylan)

Le follie della gioventù sono presto dimenticate. (Frase di Albrecht Von Wallenstein) Continua a leggere

la gioventù

La gioventù, che tempi!!

Erano gli anni in cui eravamo solo dei bambini, erano gli anni della semplicità, di quella innocenza che si poteva sporcare solo con la cioccolata.Erano gli anni dei mi raccomando fai il bravo, mi raccomando ritirati in orario, mi raccomando non sudare, mi raccomando non accettare le caramelle dagli sconosciuti.Erano gli anni dei si mamma, va bene papà, non ti preoccupare farò il bravo, erano gli anni delle raccomandazioni e delle nostre marachelle.Erano gli anni in cui per uscire con gli amici si aspettava il citofono suonare o ci si ritrovava in comitiva. Continua a leggere

Il gelato Blob, il Piedone, il Twister, Il Winner Taco, ve li ricordate questi  gelati anni 80-90?

gelati degli anni 80

Era il periodo in cui non esistevano ancora i gelati vegani o biologici, era il tempo in cui bastavano poche monetine per farci vivere attimi di indelebile gioia, erano gli anni in cui se ti eri comportato bene la mamma ti comprava il gelato e tu prima di scegliere il tuo premio rimanevi incantato davanti ai cartelloni pubblicitari dei favolosi gelati anni 80-90, dalla Sammontana all’intramontabile Motta, dalla Toseroni sino all’ Eldorado.Ci sono immagini che se riviste ci catapultano indietro nel passato facendoci tornare bambini, facendoci ricordare di quei sapori e di quei momenti della nostra infanzia, di quando non si badava ai chili di troppo, ai chissà quanti coloranti e conservanti ci mettevano nei gelati, a noi non importava, non potevamo rinunciare a mangiare un gelato al bar, in spiaggia o alla piazzetta in compagnia degli amici.

Alcuni dei mitici gelati anni 80-90 sono ormai fuori produzione, altri sono stati modificati negli anni, ripercorriamo insieme i nostri ricordi con una galleria di immagini dei favolosi gelati anni 80-90

  • Il gelato Piedone (Eldorado)

gelati degli anni 80-90 piedone

Era il numero uno dei gelati, tanto amato dai bambini quanto dai grandi, l’unico e inconfondibile gelato a forma di piede che spopolò agli inizi degli anni 80.Al suo debutto il gelato Piedone aveva un gusto di fragola e vaniglia, sino alla rivoluzione negli anni 90 in cui uscì una versione Continua a leggere

società dei socialSiamo la società degli iPhone pieghevoli, delle mille mila cover da cambiare ogni giorno, la società delle file agli Apple Store, la società degli autolesionisti che mostrano i propri tagli su Tumblr per essere al centro dell’attenzione, dei profili falsi su Ask, delle domande anonime, degli stati su WhatsApp e degli ultimi accessi controllati ogni minuto, dei “sta scrivendo…” che ti fanno sentir bene, delle chat notturne, dei gruppi su WhatsApp, dei bulimici insultati e ridotti a 30kg, delle anoressiche che cercano di uscirci e di quelle che cercano di entrarci, dei dodicenni che vanno in giro a fumare credendosi fighi, di chi fuma per moda, di chi fuma per morire, delle ragazze suicidate per colpa degli insulti su Ask, dei professori che appena possono ti Continua a leggere

Nessuno la vorrebbe una come meNessuno la vorrebbe una come me, che ha bisogno dei suoi spazi, che ha i suoi fottutissimi tempi e che ci mette mesi e mesi per fidarsi di una persona. Vogliono tutti le cose semplici, la cretina che dopo 48 ore ti dichiara amore eterno. La collana dopo sei mesi e l’anello dopo un anno. Non le battutine e io che odio parlare al telefono, che dopo un mese ti Continua a leggere

Viviamo in un mondo

Viviamo in un mondo..

Il nostro, è un mondo dove gli sms hanno preso il posto delle lettere d’amore.È un mondo in cui si scopa col primo tizio conosciuto in discoteca; un mondo in cui le ragazze hanno barattato i classici della letteratura con qualche borsa firmata; un mondo in cui le sedicenni hanno più uomini di una trentenne in carriera; un mondo in cui ci si sceglie in base alla grandezza delle parti del corpo, che non è mai il cervello ad esser grande però. È un mondo in cui Continua a leggere

Gli uomini di una voltaGli uomini di una volta erano quelli che passavano sotto i balconi, per vedere un sorriso ogni tanto della propria amata,
quelli che mettevano la benzina nella macchina e la consumavano tutta per vederne l’ombra al buio, senza uno sguardo ricambiato,
erano quelli che dopo aver fatto chilometri arrivavano a casa, e senza avere avuto nulla riuscivano a sognare, ad amare quella donna quasi immaginaria, quella donna che quando sentiva il rumore della macchina si Continua a leggere

Si stava meglio quando si stava peggio, giudicate voi

Si stava meglio quando si stava peggio

Latte, burro e uova

  • 1965
    Vai a prendere il latte con in mano un pentolino di alluminio dal lattaio che ti saluta. Prendi il burro tagliato a panetti fatto con latte di mucca, poi chiedi una dozzina di uova che sono messe in un grosso vaso di vetro. Paghi con il sorriso ricambiato della lattaia ed esci sotto il sole splendente. Il tutto ha richiesto circa 10 minuti di tempo.
  • 2015
    Esci di casa, prendi l’auto e vai al più vicino supermercato. Cerchi un parcheggio libero possibilmente vicino all’ingresso. Maledici quella vecchia imbranata che non riesce ad uscire dal suo buco e ti imponi di non arrabbiarti.
    Prendi un carrello che ha una ruota bloccata e che va da tutte le parti salvo in quello che tu vorresti. Fai per entrare, ma la porta automatica è bloccata perché un cretino l’ha urtata e ci sono i tecnici che la stanno riparando.
    Fai il giro dall’altra parte e ti metti alla ricerca del settore latticini, dove normalmente ti congeli e cerchi di scegliere fra 12 marche di burro, che dovrebbe essere fatto a base di latte comunitario. E controlli la data di scadenza..
    Per il latte: devi scegliere fra vitaminico, intero, scremato, nutriente, per bambini, per malati o magari in promozione, ma con la data di scadenza ed i componenti e… lasciamo perdere!
    Per le uova: cerchi la data di deposizione, il nome della ditta e soprattutto verifichi che nessun uovo sia incrinato o rotto e, accidenti!Ti ritrovi i pantaloni sporchi di giallo! Fai la coda alla cassa, ma la cicciona davanti a te ha preso un articolo in promozione che non ha il codice e aspetti e… aspetti.Sempre con questo carrello del cavolo, esci per prendere la tua auto sotto la pioggia, ma non la trovi perchè non ti ricordi più dove l’hai parcheggiata.Infine, dopo averla finalmente ritrovata, bisogna riportare l’arnese rotto e ti accorgi che è impossibile recuperare la moneta da due Euro perché l’aggeggio si è bloccato. Ritorni alla tua auto sotto la pioggia che si è intensificata nel frattempo.E’ trascorsa più di un’ora da quando sei uscito da casa.
Si stava meglio
Un viaggio in aereo

Continua a leggere

Anni 40

Ben Sansum

Anni 40, passato o presente?Per Ben Sansum il tempo si è fermato in quegli anni, infatti lui vive come  se fosse in quell’epoca.

Il trentacinquenne Ben Sansum non è per nulla appassionato di alta tecnologia, internet o smartphone. Invece, la sua passione sono gli anni 40. E così quando si è comprato un piccolo cottage a Godmanchester ha fatto di tutto per trasformarlo nella sua casa ideale, che è diventata un luogo fuori dal tempo: tutti i mobili ed elettrodomestici sono d’epoca anni 40. Nella cucina ci sono un antico bollitore, un battitappeto Ewbank, vecchie confezioni di tea. Non mancano i dischi di Vera Lynn e un grammofono. L’appartamento è diviso in due piani e il bagno si trova all’esterno come le case vittoriane di un tempo.La passione di Ben è iniziata quando aveva dodici anni e il suo prozio gli regalò una radio degli anni Quaranta.

“Crescendo, ho iniziato ad amare anche la musica e la moda del periodo.-ha dichiarato Ben-Adesso che ho trentacinque anni, forse i miei genitori pensavano mi sarebbe passato, ma vivrò sempre così. Morirò, vivendo così. Ma va bene, perché farò in modo che il loro stile di vita non sia dimenticato”

Leggi anche:Siamo la società dei gruppi su WhatsApp, dei bulimici insultati e ridotti a 30kg, delle anoressiche che cercano di uscirci e di quelle che cercano di entrarci