“Sfida accettata” su Facebook. Campagna di sensibilizzazione per combattere il cancro o un altro modo per mettersi in mostra?

Sfida accettata su FacebookSfida accettata è la nuova campagna di sensibilizzazione contro il cancro che negli ultimi giorni sta diventando virale su Facebook coinvolgendo moltissimi utenti.Cosa significa di preciso il testo Sfida accettata?

Alcuni lo sanno, altri accettano la sfida solo perché è la moda del momento, partecipano solo per postare una foto e ricevere quanti più mi piace possibili.Il social Facebook non è certamente nuovo a queste catene di Sant’Antonio, questa volta però le motivazioni di questa sfida sono in parte giustificate.Come spiegato prima, Sfida accettata in pratica viene utilizzata come una battaglia contro il cancro che ha il solo scopo di prevenirlo, un modo di sensibilizzare il tema della prevenzione.

Di fronte a questa malattia terribile, la vita stessa viene messa alla prova, una sfida a cui non ci si può sottrarre, bisogna lottare con forza e coraggio per cercare di vincere questo male ancor oggi incurabile.La sfida che circola su Facebook è partita qualche giorno fa in Spagna ed è subito sbarcata anche nel social Facebook italiano.

Sfida accettata Facebook

Sfida accettata: Cosa bisogna fare per accettare la sfida?

Accettare “La Sfida” consiste nel cambiare l’immagine utilizzata del profilo Facebook inserendo una fotografia o meglio “scattarsi un selfie” soli o accompagnati da amici, rigorosamente in bianco e nero e scrivere la frase Sfida accettata.

L’amico/a che a sua volta metterà un mi piace a quella foto, verrà sfidato di conseguenza a cambiare la propria immagine con una foto in bianco e nero, e la catena continua..La foto in bianco e nero postata è un modo per evidenziare come il cancro ti privi dei colori della vita.

Sarebbe davvero interessante sapere però se dietro a questa presunta sfida alla lotta contro il cancro ci sia davvero qualcuno che accetti la sfida nel social così come nella vita reale.Anche perché nel messaggio di sfida non appare alcun messaggio che inviti la gente a prevenire e farsi visitare per non incombere nella malattia.

Una foto del profilo cambiata e una frase che riporta la scritta Sfida accettata non è che sia poi così comprensibile, più che una campagna di sensibilizzazione sembra la solita catena di esibizionismo.In una società esibizionista come la nostra, sembra la solita sfida per potersi mettere in mostra riciclando quanti più like possibili.Addirittura alcuni utenti hanno deciso di postare foto un po osé e sconce.E questa non è proprio una decisione saggia, visto che l’argomento tratta un tema delicato non è che sia proprio rispettoso nei confronti di chi soffre.

Che si accetti o meno la sfida, la lotta contro una malattia mortale come il cancro è sempre doveroso sensibilizzarla, l’importante è non sfruttare il dolore di chi veramente sta soffrendo e lottando contro una malattia grave come il cancro.Questo messaggio forse è sfuggito alla massa che nei propri interessi utilizza la frase solo per i propri scopi senza capirne il vero significato.

Sfida accettata: Cosa ne pensa chi veramente sta lottando contro il cancro?

sfida accettata

Il mondo del web si divide in due.Da una parte coloro che pensano di accettare la catena “sfida accettata” per sensibilizzare l’argomento; dall’altra parte c’è chi pensa di non condividere per non alimentare una battaglia che non ha nulla a che fare con il cancro.

Il cancro non è un gioco e lo sa bene Debby madre e moglie che sta combattendo contro un cancro al colon a soli 41 anni.Sul suo profilo Facebook ha pubblicato una foto che la ritrae in primo piano, non in bianco e nero però.I colori ci sono, il suo volto impallidito e il foulard colorato che serve a nascondere l’effetto della chemioterapia.

Magica Debby questo il nome del suo profilo ha commentato sulla sua bacheca cosa ne pensa sulla presunta sensibilizzazione alla lotta del cancro che circola su Facebook:

Sfida accettata: è la frase che in questi giorni si trova ovunque sul social, insieme a foto in bianco e nero per una campagna di “sensibilizzazione” alla lotta contro il Cancro.
Personalmente non capisco il senso di una foto in bianco e nero e meno ancora capisco foto che ritraggono reggiseni e pance piatte, ma rispetto le motivazioni di ognuno.Non voglio fare polemiche ma solo esprimere un pensiero, specie se mi vengono inviate richieste di “partecipazione”.
Il Cancro non sono sfumature di grigio. Il grigio è sterile, arido, morto.
Il Cancro ha tanti colori. Anche il colore della paura, ma c’è l’ha!
Perché il Cancro spiazza, fa paura, terrorizza.

Poi Debby spiega che il cancro ti debilita, ti fa perdere i capelli, ti fa ingrassare per via del cortisone e non ti lascia neanche la forza per fare cose banali.Questo bisognerebbe sensibilizzare secondo Debby e non scappare o trascurare un amico malato, non lasciarlo da solo e poi chiedersi, come starei io?Aggiunge poi che la sensibilità è esserci, regalare un sorriso silenzioso, un aiuto concreto, perché i malati di Cancro, hanno bisogno di non sentirsi soli e a volte basta davvero poco per aiutare il malato.Questa sarebbe la vera sfida da accettare..


Potrebbe interessarti anche questa lettera scritta da un papà malato di cancro alla piccola figlioletta

Leggi anche:

Comments

comments

2 commenti
  1. antonellina
    antonellina dice:

    Ho accettato la sfida e lo rifarei altre 100 volte.Non per mettermi in mostra ma perché il cancro ti sconvolge, ti cambia la vita, ti priva della forza, ti nega l’esistenza della vita stessa.Io ci sono passata e grazie a Dio sono riuscita a superarla.Prevenire, curare e sensibilizzare la prevenzione contro il cancro andrebbe sempre pubblicizzata in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo.Poi che alcuni sfruttino la situazione per mostrarsi in bikini, che dire poveracci..

    Rispondi
    • marco
      marco dice:

      Si ma come una foto sensibilizzare, nom c’é nessun riferimento al cancro, molti non sanno nemmeno di cosa si tratta, se si vuole una campagna la si fa sul serio

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *