Il falso messaggio che gira su Facebook, la Guardia di Finanza e gli utenti disinformati che continuano a pubblicare e condividere falsità

Se la GUARDIA DI FINANZA consiglia di pubblicarlo sulla propria pagina, un motivo ci sarà..Inizia con questo testo l’ennesimo messaggio bufala che sta spopolando tra le varie bacheche di Facebook.Questa nuova bufala che ha come intestatario la Guardia di Finanza è la prima bufala che circola nel 2017 su Facebook.

Chi frequenta l’affollatissimo social Facebook avrà notato, di sicuro, qualche amico che ha condiviso un lungo messaggio sulla sua bacheca.In questo testo viene citata la Guardia di Finanza che, da quanto si legge, avviserebbe gli utenti di un presunto cambiamento della privacy.La verità però è che questi tipi di messaggi sono dei falsi e servono solo a creare allarme tra gli utenti inesperti.

Ma leggiamo cosa consiglierebbe di pubblicare la Guardia di Finanza..

Se la GUARDIA DI FINANZA consiglia di pubblicarlo sulla propria pagina, un motivo ci sarà…Tutto quello che avete postato diventa pubblico da domani. Anche i messaggi che sono stati eliminati o le foto non autorizzate. Non costa nulla per un semplice copia e incolla, meglio prevenire che curare. Canale 13 ha parlato del cambiamento nella normativa sulla privacy di Facebook.
ATTENZIONE
Con questa dichiarazione non concedo a facebook (e/o agli enti associati ad esso) il permesso di usare le mie immagini, informazioni o pubblicazioni, sia del passato che del futuro.
Con questa dichiarazione, ricordo a Facebook, che è severamente vietato divulgare, copiare, distribuire o intraprendere qualsiasi altra azione in riferimento a questo profilo e/o al suo contenuto.
Questo profilo contiene anche informazioni private e riservate.
La violazione della privacy può essere punita dalla Legge (UCC 1- 308 -1 1 308-103 statuto di ROMA).
Nota: Facebook è ora un azienda pubblica, per cui tutti i membri (per tutelarsi) dovrebbero pubblicare quanto scritto, sul proprio profilo.
Non pubblicando questa dichiarazione, per “silenzio/assenso”, si permetterà l’uso delle foto, delle informazioni e di tutti i contenuti degli “aggiornamenti di stato” del profilo.

**************************************

La Polizia di Stato (quella vera) fa sapere attraverso la pagina ufficiale di Facebook che le Fiamme Gialle non centrano niente con questi tipi di messaggi.Nella pagina di Facebook “una vita da social”, la Polizia Statale invita gli utenti a navigare sul social con discrezione e a non credere in tutto quello che gli viene fatto passare per vero.

Qui la pagina ufficiale della Polizia di Stato su Facebook.


Qui invece potete leggere altri “messaggi falsi”, truffe e altre baggianate che circolano su Facebook:

Fine della privacy di Facebook.Altra bufala

I virus che si diffondo su Facebook attraverso il sistema tag

La sfida delle mamme e la truffa su Facebook

Leggi anche:

Comments

comments

1 commento
  1. Annalisa
    Annalisa dice:

    Con tutto il rispetto possibile, ma certa gente è proprio stupida.Cosa ci azzecca la guardia di finanza con la privacy?E poi chi gestisce facebook avrà mica il tempo per leggere le bacheche di tutti???Tantissimi dei miei amici l’hanno pubblicato.L’ignoranza in questo caso a poco a che vedere, almeno spero.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *