Perché le favole iniziano con c'era una volta

I motivi del perché le favole iniziano con c’era una volta

C’era una volta tanto tempo fa .. quasi tutte le favole iniziano con questa tipica espressione, c’era una volta è l’introduzione classica di una narrazione che ci proietta come per magia in un epoca fantastica e senza tempo dove il lettore della favola come per incanto si immedesima nel personaggio aspettando il lieto fine.Ma perché le favole iniziano con c’era una volta? Sin dai tempi antichi tutte le favole iniziavano con la frase di rito c’era una volta e a chi le narrava non era consentito raccontarle senza un introduzione (c’era una volta o anche tanto tempo fa) e una chiusura (e vissero felici e contenti).Chi ometteva questo passaggio di rito veniva identificato come uno sprovveduto, infatti c’era un modo di dire “come uno sprovveduto che dimentica la formula e si permette di parlare in modo espressivo”.

Perché le favole iniziano con c'era una volta

Perché la maggior parte delle favole iniziano con l’espressione c’era una volta?

Ecco perché tutte le favole o fiabe iniziano con l’apertura di c’era una volta, ma non solo, anche frasi come cammina cammina o anche cerca cerca, erano usate di prassi, il ripetere o la triplicazione della parola stessa aveva il compito di renderla più chiara, far aumentare il mistero e allungare la storia.Un altro motivo del perché le favole iniziano con c’era una volta è il sogno, la favola ha lo scopo di farci sognare e quindi si serve del verbo imperfetto un tempo che non è collocato in un periodo storico preciso, c’era una volta tanto tempo fa..quando?Sta a noi immaginare e catapultarci con la mente in un epoca non precisata vivendo la favola da protagonisti e recepire la morale che la favola ci sta insegnando.

A proposito di sogni e favole, leggete questo bellissimo racconto:Principe azzurro si può sapere dove sei finito?

Leggi anche:

Comments

comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *