,

Ecco perché il cane è il migliore amico dell’uomo!

Il migliore amico dell’uomo: il cane

Perché si dice che il migliore amico dell’uomo è il cane?

Il migliore amico dell’uomo: il cane

Quando arriviamo a casa dopo una lunga giornata è lui il primo ad accoglierci e farci sentire amati, se ci sentiamo tristi lui se ne accorge e ci viene incontro donandoci amore, se a volte siamo così arrabbiati da non prestargli attenzioni non smetterà di volerci bene.

Lui non ci giudica mai, non importa se siamo grassi o magri, ricchi o poveri, a lui non interessa, tutto quello che ci chiede è un po di cibo e tante coccole, pronto a seguirci ovunque.

Loro di natura sono fatti così pronti a tutto per noi, restando sempre al nostro fianco, cercando di sostenerci sempre e comunque.I nostri amici umani farebbero lo stesso?

La convivenza degli uomini con il nostro amico a quattro zampe, dura da oltre 15.000 anni e di sicuro ci aiutano a vivere meglio, a tutte le età.Convivere con un  cane, secondo gli esperti, è uno dei segreti per vivere meglio, infatti la compagnia di un cane aiuta a sentirsi meno soli e sconfiggere in alcuni casi anche la depressione.E’ dimostrato infatti che negli anziani oltre i 60 anni soffrire di depressione si riduce di ben quattro volte se si convive con un animale domestico.

Sono molti i motivi del perché si dice che il migliore amico dell’uomo è il cane ma solo chi ha o ha avuto la fortuna di avere un amico a quattro zampe, sa cosa significa arricchire di gioia la propria vita giorno dopo giorno.

Il migliore amico dell’uomo: il cane


A proposito dei nostri amici animali, lo sapete che esiste una razza di cane chiamata chow chow che ha come particolarità la lingua di colore blu?

Storia zen: i due vasi cinesi

Storia zen

Storia zen

Una anziana donna cinese possedeva due grandi vasi, appesi alle estremità di un lungo bastone che portava bilanciandolo sul collo.
Uno dei due vasi aveva una crepa, mentre l’altro era intero. Così alla fine del lungo tragitto dalla fonte a casa, il vaso intero arrivava sempre pieno, mentre quello con la crepa arrivava sempre mezzo vuoto.
Per oltre due anni, ogni giorno l’anziana donna riportò a casa sempre un vaso e mezzo di acqua.
Ovviamente il vaso intero era fiero di se stesso, mentre il vaso rotto si vergognava terribilmente della sua imperfezione e di riuscire a svolgere solo metà del suo compito. Dopo due anni, finalmente trovò il
Continua a leggere

Giovanna d’Arco

Giovanna d'Arco

La martire francese resta una personalità straordinaria indipendendemente da chi ha fede o meno, la sua storia dimostra gli errori che gli uomini di Chiesa possono e hanno commesso, ma dimostra anche come la forza spirituale della fede emerga comunque e sempre.

Giovanna d’Arco nata a  Continua a leggere

,

Salute dei bambini:Allarme obesità infantile

obesità infantile

Mamme fate più attenzione.

Le statistiche dicono che circa il 30% dei bambini italiani è in sovrappeso: si tratta della percentuale più alta tra quelle registrate nel resto dell’Europa e un simile primato non è certo invidiabile.

Le indicazioni emerse dalla prima rilevazione del WHO COSI Program evidenziano che i bambini italiani più soggetti a disturbi alimentari hanno Continua a leggere

Coincidenze, fatalità o destino?

Coincidenze, fatalità o destino?
Credete nel destino?Leggete queste storie realmente avvenute e giudicate voi

Coincidenze, fatalità o destino?

Edgar Allan Poe, scrittore di racconti, ne intitolò uno dal nome “Storia di Arthur Gordon Pym”.Nel libro, del 1838, si parla di un gruppo di naufraghi che, rimasti senza provviste, decidono di uccidere e mangiare uno di loro per potersi sfamare. La povera vittima si chiamava Richard Parker. Qualche anno più tardi, nel 1884, la nave Mignonette affondò, e quei pochi marinai che si salvarono, rimasero  alla deriva senza cibo. Ridotti allo stremo, anche loro decisero di sacrificare uno di loro per potersene cibare. E indovinate come si chiamava? Richard Parker!

Nell’anno 2000, durante la realizzazione Continua a leggere

Anniversari di matrimonio.Tabella dei vari nomi.

Anniversari di matrimonio

L’anniversario è la ricorrenza di un giorno speciale, che sia un anniversario di fidanzamento o un anniversario di matrimonio, il festeggiamento non deve mai mancare.Ma come vengono chiamte queste rincorrenze?Di che colore sono?Conoscete solo le Nozze d’Oro e le Nozze d’Argento?Ecco la tabella per tutti gli anni di matrimonio e i suoi colori Continua a leggere

WhatsApp batte SMS 1-0

WhatsApp batte SMS 1-0

WhatsApp batte SMS 1-0
L’applicazione di messaggistica istantanea più famosa del mondo ha sconfitto gli sms.Sono infatti ben 30 miliardi al giorno i messaggi inviati tramite la App, mentre si fermano a quota 20 miliardi gli sms.Lo scorso anno, Facebook ha acquistato  l’App per 19 miliardi di dollari generando oltre 7 trilioni di Continua a leggere

,

Perché il leone è considerato il re degli animali?

Perché il leone è considerato il re degli animali?

il re degli animali

Perché il leone è considerato il re degli animali?

E’ vero che l’ampia criniera e il ruggito possente gli conferiscono un aspetto fiero e regale, ma il leone noto come il re degli animali, non è né il più grosso, né il più forte dei felini.Allora perché questo titolo?Nella cultura occidentale il leone simboleggia potenza e Continua a leggere

Perché fumare marijuana fa venire fame?

Perché  fumare marijuana fa venire fame

Perché fumare marijuana aumenta l’appetito?

Perché fumare marijuana fa venire fame e aumenta l’appetito?

La così detta fame chimica, si presenta dopo aver fumato marijuana è una fame così spietata che ci farebbe mangiare a morsi anche una sedia, non è una nostra suggestione.Sarebbe dovuta alla stimolazione di un recettore presente nel bulbo olfattivo, che amplifica la sensibilità agli odori e l’appetito.A studiare il perché  fumare marijuana fa venire fame, ci ha pensato un team dell’Università di Yale che  ha scoperto che il THC, il principio attivo della cannabis riattiva una parte del cervello che di solito allieva il senso di fame, amplificando gli stimoli provenienti dal naso e quindi facendo aumentare l’appetito.Dal punto di vista delle possibili applicazioni, però, la scoperta francese è molto più interessante.Sapere come aumentare l’olfatto o l’appetito di una persona potrebbe infatti essere molto utile a curare determinate malattie.Infatti, la somministrazione di THC ai malati di tumore che fanno la chemioterapia potrebbe contribuire a ridare loro l’appetito, spesso compromesso in chi purtroppo si sottopone a queste cure.

A proposito di marijuana e fumo  sapevi questi dati sconcertanti sulle sigarette?