Il giorno 26 dicembre si festeggia Santo Stefano, ma perché è un giorno festivo?Perché a Santo Stefano è festa?

giorno di Santo Stefano festa

La festività di Santo Stefano segnata a rosso sul calendario, si festeggia il giorno dopo il Santo Natale ed è un giorno festivo per tutti gli Italiani e non solo.Il 26 dicembre giorno di Santo Stefano è festa nazionale non solo in Italia ma anche in Austria, Germania, Irlanda e in altre nazioni.

La ricorrenza di Santo Stefano è un giorno importante per tutti i cristiani perché si ricorda il primo martire della cristianità.Stefano diventato Santo successivamente al ritrovo delle reliquie, fu giustiziato tramite lapidazione per aver dedicato la sua vita a testimonianza della parola di Cristo.Fu il primo martire dopo Cristo a trovare la morte attraverso la lapidazione per aver professato e diffuso la fede nel cristianesimo attraverso il Vangelo.

giorno di Santo Stefano

Perché Santo Stefano è un giorno festivo?

In Italia, il giorno di Santo Stefano è festa nazionale ufficiale dal 1949.In questo giorno si festeggia Santo Stefano perché oltre a ricordare il Santo, si è pensato di aggiungere un giorno festivo al Natale.Infatti nel giorno di Santo Stefano si concludono le festività natalizie.

E’ lo Stato che ha deciso nel 1949 di festeggiare il 26 dicembre come giorno di festa per prolungare le feste di Natale, proprio come avviene nel giorno della pasquetta, ossia il giorno successivo alla Pasqua.Quindi la festività che cade nel giorno festivo del 26 dicembre non è dovuta per la ricorrenza del Santo, nonostante la sua importanza come uno dei maggiori Santi della Chiesa, ma è stato introdotto per posticipare di un giorno le feste di Natale.

Sia la pasquetta che il giorno di Santo Stefano sono date che vengono festeggiate per estendere e ricordare maggiormente la festa di Pasqua e le feste di Natale.


A proposito di feste e religione, lo sapete che nel giorno in cui nasciamo abbiamo un angelo custode che ci protegge che ha un nome proprio? ………Leggete qui…….

Leggi anche:

Comments

comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *