Il sangue si scioglie.Miracolo di San Gennaro o scienza?

19 settembre 2016 at 15:05

Il sangue di San Gennaro si scioglie e si solidifica quasi come fosse un miracolo.E’ possibile spiegare questo evento miracoloso?

sangue-san-gennaro

Secondo la tradizione come ogni anno, il sangue di San Gennaro custodito in due ampolle chiuse ermeticamente viene esposto davanti a centinaia di fedeli per assistere al “miracolo del sangue che si soglie”.

Nel Duomo di Napoli, nella cappella dedicata al Santo, tre volte l’anno durante una messa religiosa predicata dall’arcivescovo, il sangue di San Gennaro inizialmente raggrumato, ha il potere o meglio la caratteristica di liquefarsi per poi tornare di nuovo allo stato solido.

Il primo miracolo di liquefazione del sangue è datato storicamente il 17 agosto del 1389 quando un fedele donò due ampolle contenente il presunto sangue del martire morto per decapitazione nell’anno 305.Da quel lontano 1389 a distanza di oltre 600 anni le liquefazioni avvengono puntualmente: la prima domenica del mese di maggio, il 19 settembre e  il 16 dicembre.

La Chiesa nonostante le cerimonie e le migliaia di fedeli pronti a gridare al miracolo ha sempre mantenuto le

La stella di Sirio.La più luminosa e brillante tra tutte le stelle

26 agosto 2016 at 21:03

Molte sono le stelle che brillano nel cielo, ma c’è ne una in particolare più brillante e luminosa rispetto alle altre ed è la stella di Sirio.

La stella più luminosa nel cielo notturno.La stella di Sirio.

stella di sirio

La stella di Sirio non è né la stella più grande e né la stella più luminosa.Allora perché questo corpo celeste è visibile a occhio nudo e brilla sempre più delle altre stelle?

La stella di Sirio conosciuta anche come la Stella del Cane, gode di una brillantezza spettacolare grazie alla posizione ravvicinata dal pianeta terra, dista circa 8,6 anni luce.Altre stelle molto più luminose rispetto a Sirio risultano essere meno brillanti

Paradiso: Esiste o dopo la morte vi è il nulla?

24 aprile 2016 at 7:33

paradiso dopo la maorteVoi ci credete nel paradiso?Alcuni credono che il paradiso sia un utopia, una storiella che viene raccontata per incoraggiare la gente a condurre una vita basata sulla moralità nella speranza di entrare nel paradiso dopo la morte.Altri invece sono certi che ci sia una nuova vita dopo la morte e la loro meta sarà il paradiso, un luogo eterno dove un giorno chi si sarà comportato bene, chi avrà ascoltato e messo in pratica la parola di Dio avrà la ricompensa della vita eterna e potrà finalmente riabbracciare i suoi cari, così come viene indicato dalle Sacre Scritture religiose.

Ma il paradiso esiste veramente o è una fantasia dell’immaginario collettivo?

In realtà una risposta soddisfacente o universalmente definita non esiste, l’esistenza del paradiso non può essere né dimostrata né smentita, un non credente risponderebbe “no il paradiso non esiste” per lui sarebbe come guardare il cielo con un telescopio e affermare di vedere le stelle ma nessun posto identificato come paradiso, al massimo potrebbe solo immaginare che lassù ci fosse un luogo al di sopra delle sue capacità di pensiero e logica ma che senza prove scientifiche continuerà a negare.E se invece quel telescopio avesse un nome specifico e si chiamasse Bibbia?In questo caso la risposta sarebbe “Si il paradiso esiste”, per una persona di fede quel telescopio sarebbe la Parola di Dio l’unica certezza di cui ha bisogno, l’unica fede necessaria per riuscire a guardare oltre la sua anima ed affidarsi ciecamente tra le braccia del Padre.Nessuno sa esattamente se davvero esiste e dove si trovi il paradiso, la chiesa preferisce collocare il paradiso tra i tanti misteri della fede, non si trova in terra e non si trova in cielo, eppure il Giardino dell’Eden rimane la meta ambita da quasi tutte le religioni del mondo, la speranza, la fede e l’amore per il Signore sono le uniche armi a disposizione per sperare nella vita eterna e riuscire ad entrare nel giardino dell’Eden.

paradiso vorreste andare

Voi vorreste andarci in paradiso?

Un giorno un sacerdote durante la messa aveva predicato la parola di Dio, spiegò ai fedeli cosa fosse il Paradiso e poi con orgoglio chiese 

Esiste il destino o sono solo coincidenze?

16 aprile 2016 at 8:25

Esiste il destino o sono solo coincidenzeEsiste il destino o sono solo coincidenze?

Si dice che i desideri più profondi nascosti dentro la nostra anima siano in grado di generare le coincidenze, ma quando ci si ritrova nel posto sbagliato al momento sbagliato e la cattiva sorte ci perseguita, centra ancora una volta la coincidenza o subentra il destino?Fatalità, destino o coincidenze?

Vi è mai capitato di trovarvi in una situazione che per un motivo qualsiasi o per una serie di eventi vi ha fatto ritrovare proprio lì in quel posto, con quella determinata persona in quel preciso istante?A volte capita di ritrovarsi in certe situazioni assurde che ci danno l’impressione che non siano solo delle semplici coincidenze ma pare che qualcuno in realtà ci stia pilotando, come se qualcuno muova dei fili invisibili che ci porti a compiere il nostro destino.

Quando ci ritroviamo in una situazione pericolosa, quando ci sentiamo a disagio per un evento che vorremmo che non fosse mai esistito, spesso diamo la colpa al destino, ne riconosciamo i segni anche per delle cose futili.Perché invece quando tutto va per il meglio pensiamo di essere noi gli artefici del successo dimenticandoci che potrebbe esserci un destino?

Un proverbio cinese recita: semina pensieri e raccoglierai azioni, semina azioni e raccoglierai abitudini, semina abitudini e raccoglierai un destino.Il nostro destino è già scritto in qualche modo o siamo noi a scrivere le pagine della nostra vita?

Esiste il destino o sono solo coincidenze?

Esiste il destino o sono solo coincidenze?Siamo noi a scegliere la strada da percorrere o ci è stata già imposta?

Date uno sguardo a queste

L’uomo discende dalla scimmia o la scimmia discende dall’uomo

12 aprile 2016 at 11:51
E' vero che l'uomo discende dalla scimmia

Sarà vero che l’uomo discende dalla scimmia?

Che esseri umani e scimmie si somiglino in qualche particolare è abbastanza evidente ma l’aspetto fisico non basta a dedurre che l’uomo discende dalla scimmia ed è qui che entra in campo la scienza che ci dimostra come questa teoria possa essere confermata.La maggior parte degli scienziati sostiene che l’uomo possa effettivamente discendere dalla scimmia per via del dna della scimmia simile a quello dell’uomo, con una somiglianza del 98%.

Ma può davvero bastare questo particolare per affermare che l’uomo discende veramente dalla scimmia?

Charlez Darwin (1809-1882) fondatore della teoria dell’evoluzione della specie animali, fu il primo biologo e naturalista il quale sosteneva che uomo e scimmia erano gli esseri viventi più simili al mondo e che il mutamento da scimmia a uomo sarebbe avvenuta nel corso degli anni grazie ad un adattamento naturale che costringeva la specie ad adattarsi all’habitat naturale in cui viveva.

uomo e scimmia

L’uomo discende dalla scimmia, la teoria di Darwin

Questa teoria di Darwin sull’evoluzione della specie è stata più volte interpreta male e smentita in parte da molti studiosi e ricercatori, affermando che l’uomo non discende dalla scimmia per il semplice fatto

Parlare da soli è normale?Fa bene o bisogna preoccuparsi?

4 gennaio 2016 at 14:25
Parlare da soli è normale?

Parlare da soli è normale?

Parlare da soli mentre si fa shopping, mentre si cammina per strada, quando si cerca qualcosa che non si trova o semplicemente parlare da soli per concentrarsi su un qualcosa è normale?

Se avete timore dell’opinione altrui, sappiate che parlare da soli non significa essere pazzi, al contrario, potreste essere dei geni.E già.. proprio così.

Secondo alcuni scienziati infatti, parlare da soli o anche pensare a voce alta, facilita il cervello a immagazzinare dati, oltre ad aumentare notevolmente la propria autostima.

Da un esperimento condotto da psicologi e scienziati e poi pubblicati su Taylor & Francis Online infatti, si è appreso che su un campione di 20 volontari a cui venivano mostrati