Il tuo cucciolo morde mani e piedi, pantaloni, ciabatte e tutto quello che trova davanti a sé?Scopriamo perché e come comportarci.

cane morde mani e piedi sempre

La maggior parte delle volte un cucciolo che morde mani e piedi lo fa per attirare la nostra attenzione.Per lui è solo un gioco, non capisce che il mordicchiare a noi da fastidio e a volte fa anche male.

Questo suo modo di fare andrebbe stroncato da subito, sin dai primi mesi di vita.Una volta cresciuto un cane adulto che ama giocare mordendo mani e piedi con chiunque potrebbe diventare fastidioso ma sopratutto pericoloso, specialmente se in casa ci sono dei bambini.

Ma perché il cucciolo morde in continuazione mani e piedi?

Uno dei motivi del perché il vostro cucciolo di cane morde in maniera assatanata le vostre mani o abbia un debole per i vostri piedi potrebbe dipendere da una separazione prematura dalla mamma.Un cane che è stato allontanato dalla mamma prima dei due mesi, non ha ricevuto un educazione corretta.. perché?Il motivo è molto semplice, un cucciolo appena nato che gioca con la mamma non riuscendo a dosare la propria forza nel morso capita che stringa un pò più del dovuto.A quel punto interviene la mamma, che per fargli capire che sta esagerando, lo morde a sua volta impartendogli la lezione.A quel punto lui non solo capirà che mordere fa male, ma avrà imparato che il morso non è un gioco felice.Ecco perché un cane che è stato allontanato prematuramente dalla mamma probabilmente non capirà la differenza dal gioco tranquillo e innocente al gioco del mordicchiare e pericoloso.

Un altra motivazione del perché il cane che morde sempre potrebbe essere scaturito da un dolore ai denti.I cani hanno bisogno per uno sviluppo completo dei denti dai 17 ai 24 mesi di età e proprio come i neonati hanno un particolare fastidio alle gengive.E allora cosa fanno? Mordono!!Quello che i cani non sanno però, è che la nostra pelle è più delicata rispetto a Continua a leggere

Il quadrifoglio simbolo di fortuna

quadrifoglio fortunaIl quadrifoglio è da sempre considerato un simbolo fortunato.Si dice che trovare una foglia di quadrifoglio porti fortuna.In realtà il “quadrifoglio-fortunato” è una versione modificata del comune quadrifoglio appartenente alla famiglia dei trifogli.Questa pianta speciale sviluppa il “quarto foglio” a causa di una anomalia naturale.Trovare una pianta fortunata di quadrifogli dunque è già di per se una vera fortuna.E’ stato stimato che ogni 10.000 quadrifogli nasce un solo quadrifoglio-anomalo, quindi trovarlo Continua a leggere

Perché la timidezza mi blocca e arrossisco dalla vergogna?

fobia arrossire

Anche se la timidezza non è una malattia, l’arrossire facilmente davanti ad una persona crea una serie di paure e disagi tali da far scatenare nell’individuo timido una inadeguatezza nel colloquiare facendolo sentire a disagio e scatenando in alcuni casi dei veri e propri attacchi di panico.

L’arrossire facilmente e in maniera vistosa può portare ad un senso di insicurezza ed a una sorta di malattia cronica.Per una persona dal carattere timido, arrossire è una situazione che capita frequentemente.Basta poco; un complimento ricevuto, la presenza di una persona che gli pone una semplice domanda o quando ci si ritrova al centro dell’attenzione.

Ma perché la timidezza ci fa arrossire?

Le guance che diventano rosse dall’imbarazzo sono causate dai Continua a leggere

Perché si dice avere la coda di paglia?Quando si usa questo modo di dire?

coda di paglia

L’espressione “avere la coda di paglia” si è soliti utilizzarla per puntare il dito contro una persona che sa di essere in difetto e tema essere scoperto.

Il detto popolare “chi ha la coda di paglia, ha sempre paura che gli pigli fuoco” prende ispirazione da una favola di Esopo.La favola ha come protagonista una volpe che per sua sfortuna venne intrappolata in una tagliola.La volpe riuscì a liberarsi, ma dovette sacrificare una cosa a lei cara, la sua amata coda.I suoi amici animali visto l’imbarazzo della loro amica Continua a leggere

Non ci sono prove concrete dell’esistenza degli alieni, nessuno ne ha mai visto uno, eppure li immaginiamo di colore verde, perché?

alieni sono di colore verde

Nell’immaginario collettivo gli alieni o extraterrestri sono visti come delle creature orribili, bassi, verdi e con una testa enorme a prova della loro intelligenza al di sopra di quella della razza umana.

Una tipica espressione ricorrente per identificare un alieno è il termine “omino verde”, ma perché gli alieni ce li immaginiamo di colore verde?

Il colore verde che identifica un alieno e ha influenzato il nostro modo di fantasticare sul colore della pelle aliena si presume nasca dal Continua a leggere

Il numero della bestia viene collegato al numero 666, un numero che indica il maligno, perché questo collegamento?

numero 666

Il numero 666 è citato dalla religione cristiana nelle sacre scritture e viene menzionato come il numero della bestia, il numero del diavolo in persona.Il collegamento con il numero del male 666 associato a Satana lo si può riscontrare nel Nuovo Testamento di S.Giovanni nel paragrafo dell’Apocalisse.

Paragrafo 13- versetto 18:«Chi ha intendimento conti il numero della bestia, poiché è numero d’uomo: e il suo numero è 666».

Nella cultura popolare, il numero 666 è da sempre un numero che incute timore, un simbolo legato al male.La maggior parte dei vecchi studiosi interpretavano il numero 666 come una sorta di codice segreto da cui cercavano di predire il futuro svelando i piani di Dio.

Il numero 666 e l’alfabeto Ebraico

Molte sono le teorie che ruotano attorno al numero numero della Bestia, una di questa è quella di associare il numero 666 all’alfabeto Ebraico con un sistema chiamato Gematria. In Ebraico antico i Continua a leggere

Ogni anno come di consueto il giorno 15 agosto si celebra la festa del ferragosto, la giornata simbolo dell’estate.

ferragosto

La festa di Ferragosto, dal latino Feriae Augusti, è una festa antica romana inaugurata dal primo imperatore Augusto Ottaviano.La Feriae Augusti (il riposo di Augusto) era una festa adibita ai festeggiamenti in cui si ringraziava Conso dio della fertilità nella religione romana nel 18 a.C.

In questo mese di festa si banchettava e ci si divertiva, si organizzavano giochi, corse di cavalli ed era usanza addobbare gli animali che contribuivano alla coltivazione delle terre agricole con dei fiori.I festeggiamenti nel mese di Agosto continuavano Continua a leggere

La favoletta della cicogna che porta i bambini avvolti in un fazzoletto bianco viene tramandata da diverse generazioni.Ma perché si associa proprio la cicogna alla nascita dei neonati?+

la cicogna porta i bambini

Sin dai tempi in cui l’uomo ha iniziato a costruire strutture di una certa altezza la cicogna ha sfruttato quegli edifici per pianificare e costruire il nido dove far nascere i propri piccoli.E’ proprio da questa tradizione che la cicogna viene associata alla nascita dei bambini ma in realtà si tratta di un malinteso tramandato negli anni.

Molti anni fa riscaldare una casa con un camino era un lusso non alla portata di tutti.A causa della miseria, della povertà e del costo elevato della legna, il fuoco per riscaldare l’ambiente veniva acceso solo in casi particolari, come la nascita di un bambino.Le cicogne di ritorno dall’Africa preferivano Continua a leggere

Vestirsi di colore nero per un funerale o durante il periodo del lutto è considerato segno di rispetto.Perché?

funerale colore nero

Durante il periodo del lutto si usa vestirsi con un abbigliamento di colore nero per commemorare un defunto o anche in occasione di un rito funebre.

L’usanza di rispettare il lutto vestendosi di nero è un rito risalente ai tempi dei romani.Per ricordare i loro cari i romani usavano vestirsi con una stola di colore scuro, tendente dal grigio al nero.Questa scelta era dettata da una legge romana che impediva di sfoggiare abiti raffinati per una veglia funebre.Inoltre gli abiti indossati dai parenti e amici del defunto non potevano essere di colore chiaro.Questa scelta fu presa per evitare sprechi di soldi in indumenti costosi.

Per un breve periodo del medioevo per celebrare i riti funebri il re di Francia decise di abbandonare l’usanza dei romani e scelse di far indossare in occasione di un cordoglio abiti di colore bianco.

Nel 1587 Maria Stuarda regina di Scozia e consorte Continua a leggere

Una volta conclusa la celebrazione religiosa si attendono i neo sposi fuori dalla chiesa per la solita usanza di lanciare il riso agli sposi.Perché questa usanza?

lanciare il riso agli sposi perché

L’usanza di lanciare il riso agli sposi all’uscita della chiesa è una tradizione molto diffusa che ha origini lontane.Sin dai tempi dell’antica Roma era tradizione lanciare ai novelli sposi chicchi di grano come auspicio di un matrimonio felice.Con il passare degli anni, il grano cominciò a salire notevolmente di prezzo e si decise di sostituirlo con il riso.

Ma perché si è scelto proprio il riso come auspicio di buona fortuna e perché si lancia gli sposi?

Il riso è in moltissime culture uno dei beni più preziosi al pari della moneta oltre ad essere un simbolo di fertilità e augurio di una buona vita.Il rito di lanciare Continua a leggere