ansia

Quando l’ansia prende il sopravvento.

Se hai mai attraversato un momento difficile provando sulla tua pelle il peso di debiti, malattie, la perdita di un parente a te caro, il bisogno o la disperazione, allora sai cosa vuol dire essere ansiosi e di come l’ansia possa cambiarti radicalmente la vita, sai benissimo cosa vuol dire sentirsi stressati e frustati anche solo per una sciocchezza, sai cosa significa provare ansia per una banale azione quotidiana, avere mille pensieri che ti passano per la testa e non riuscire a trovare una soluzione adeguata.Questo disturbo conosciuto come ansia colpisce circa il 7% degli Italiani e spesso chi ha la sfortuna di soffrire di ansia con il passare del tempo dovrà combattere con frequenti attacchi di panico che a lungo andare potrebbero sfociare in uno stato d’animo tale da arrivare alla depressione.

Per ansia si intende una reazione istintiva di difesa, un campanello d’allarme che scatta nella mente, la paura imminente che qualcosa potrebbe andare storto, la preoccupazione di non essere in grado di svolgere un lavoro, il timore di ricevere una notizia spiacevole, la sensazione che la nostra vita possa essere compromessa da un singolo episodio, provocando non solo un problema a livello di pensieri cattivi e frustrazioni, ma l’ansia può provocare danni fisici anche al cuore e allo stomaco.

Alcuni dei sintomi fisici più diffusi che accompagnano l’ansia possono essere: una improvvisa ed eccessiva sudorazione, problemi di respirazione, vertigini, vampate di calore, tachicardia e a volte la troppa ansia può portare anche allo svenimento.

ansia paureIndipendentemente che abbiate sofferto di ansia o no, la maggior parte della gente tende ad associare la parola ansia al termine paura, in realtà paura e ansia viaggiano su due binari identici ma paralleli.Ognuno di noi ha paura di qualcosa, ma questo non significa essere ansiosi, ad esempio se vi avventuraste in una foresta per una normalissima passeggiata e davanti ai vostri occhi apparirebbe un leone inferocito, a quel punto entrerebbe in gioco la paura di essere sbranati dalla belva, una persona che soffre di forte ansia invece, probabilmente nella foresta non si sarebbe mai avventurata, il soggetto ansioso non è realmente cosciente dell’ origine della sua paura, ecco perché la paura è legata ad un avvenimento tangibile, mentre l’ansia è più una forma di paura al momento inesistente.

Convivere con l’ansia, può incidere notevolmente sulla vita di una persona, le sicurezza e le creatività vengono a mancare, il bisogno di socializzare si trasforma in un isolamento, il buon umore lascia spazio a diversi sbalzi tristi di sentimenti, dalla tristezza all’angoscia, il lavoro diventa più impegnativo di quando già non lo fosse e tutto ci pare più complicato, ma come è possibile sconfiggere l’ansia e superarla?Come fare a non lasciarci trasportare dall’ansia e a non cadere nella trappola della depressione?

sconfiggere ansiaImmaginate nella vostra mente una ragazza di nome Elsa.Un pomeriggio come tanti Elsa rientra a casa stanca, con un forte mal di testa, ansiosa e angosciata da mille preoccupazioni.E’ così depressa che non vuol vedere e sentire nessuno, avvisa sua madre che non ha fame e che non vuol essere disturbata per cena e si chiude in camera sua, tentando di dormire ma senza riuscirci.Passata qualche ora la mamma che l’aveva vista giù di morale prova a spronarla preparandole una deliziosa torta di mele, il suo dolce preferito.Elsa anche se controvoglia si mette a tavola e in quel preciso istante squilla il cellulare, è una sua amica che la invita ad andare a ballare.A quel punto Elsa cambia atteggiamento, mangia la torta, corre di sopra a vestirsi ed entusiasta esce di casa per passare una spensierata serata da passare con le amiche.Rincasa alle 3 di notte, tutta pimpante e per niente stanca, riesce ad addormentarsi con tutta serenità; tutta la noia, tutta quella tristezza, tutta l’ansia e lo sconforto di poche ore prima erano svanite.Secondo voi come ha fatto la ragazza a scrollarsi di dosso quel malessere e trovare la forza di uscire?Forse vi potrà sembrare strano ma di Elsa in tutto il mondo ce ne sono milioni, anche io lo sono stata e probabilmente anche voi lo siete state.

Anche io ho subito un periodo negativo della mia vita che mia ha portata da uno stato di ansia cronica a un periodo di depressione, un periodo nero della mia vita, la mia vita non era più la stessa, ho lasciato la mia città e mi sono dovuta trasferire a più di 800 km per lavoro, ho dovuto affrontare il distacco dagli amici, ho dovuto lottare con il dolore della scomparsa di mia madre, ho affrontato mille sacrifici e combattuto gli ostacoli che mi si sono posti dinanzi, però alla fine c’è l’ho fatta, ho combattuto e sconfitto l’ansia e la depressione.Nei weekend quando mi è possibile prendo il primo treno e ritorno nella mia città, torno a trovare i miei amici di infanzia, mi reco a trovare mia madre e le porto un fiore sulla tomba, ringraziandola sempre per tutto quello che ha fatto per me e portandola sempre nel mio cuore.

ansia sorriso

Ho accettato la vita per quello che è per come viene, senza guardare al passato, senza piangermi addosso, senza troppi compromessi, senza privarmi di niente che realmente non potessi permettermi, senza stare in ansia, senza assillarmi per problemi futili che la maggior parte delle volte non esistono neanche, ed è stata proprio questa esperienza che mi ha fatto capire che nella vita non sempre le cose vanno come ci si aspetta, le delusioni e i mille imprevisti ci sono stati e ci saranno sempre ma bisogna avere comunque la forza e la capacità di proseguire a testa alta, affrontando le incognite che la vita ci propone giorno per giorno, vincendo l’ansia con un sorriso, perché alla fine di tutto ci sarà sempre una ragione per tornare a sorridere.

A proposito di ansia e depressione leggi cosa ha scritto Keanu Reeves in un messaggio per combattere la depressione.

Comments

comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *